La didattica ingegneristica nella R. Scuola Navale

di Giuliano Bonanno e Silvia Pierdicca

Al fine di conoscere e comprendere meglio la didattica nell'ambito dell'ingegneria navale presso la Regia Scuola e, in generale, in Italia a cavallo tra Ottocento e Novecento, può essere utile seguire questo percorso. Per ricavare le informazioni sono state utilizzate fonti dirette possedute dalla Biblioteca della Scuola Politecnica (sede di Ingegneria), e principalmente la Relazione sull'andamento della Regia Scuola Superiore Navale nell'anno decorso tra il 1. luglio 1882 e il 30 giugno 1883, documento in cui l'ex ministro della marina Augusto Riboty (1816-1892), che scrive al ministro della marina Ferdinando Acton, ci aiuta a capire le linee di tendenza della didattica presso la R. Scuola.

Seguendo l'itinerario qui proposto si potrà approfondire in che cosa consisteva l'impegnativo esame finale o di laurea, quali erano gli strumenti di lavoro, il metodo di insegnamento attraverso esperienze sul campo e viaggi di istruzione in Italia e all'estero, lo spirito di comunità che animava docenti e studenti, l'ambizione di dotarsi della strumentazione più aggiornata per l'epoca, il tentativo di creare uno stretto legame con il tessuto produttivo genovese.

 A testimonianza dell'entusiasmo tipico di quegli anni, citiamo questa frase tratta dalla Relazione di Riboty (pag. 16): “Dessi frequentarono le scuole di disegno anche nelle ore non obbligatorie, nei giorni di vacanza e nel mattino dei giorni festivi, dando così evidente prova, che hanno ben compreso l’importanza grandissima che ha il disegno nell’esercizio professionale sia per l’ingegneri Navali e Meccanici, sia per gl’Ingegneri Idrografi, sia infine per i Professori di Discipline Nautiche”

Naturalmente, uno dei modi per garantire un continuo aggiornamento ai propri studenti era quello di acquistare le più autorevoli riviste di ambito nautico di rilevo nazionale e internazionale (cliccare per il percorso dedicato)

Per l'organizzazione didattica della Regia Scuola  a livello amministrativo si può consultare questa pagina

Per ulteriori informazioni sulla situazione della Scuola Navale alla fine dell'Ottocento, può essere utile la consultazione di "La Regia Scuola Navale Superiore di Genova: note storico-critiche", di Salvatore Raineri. Genova, 1898

Argomenti disponibili

Gli strumenti di lavoro

La Regia Scuola Navale, come sappiamo dalla Relazione di Augusto Riboty, alla fine dell'Ottocento stava intraprendendo un percorso per dotarsi sempre più di strumentazioni di ottima qualità. ... Leggi

L'esame finale

Tavola tratta dalla tesi di laurea di Marcello Ciurlo, 1892Dalle fonti in nostro possesso veniamo a conoscenza del fatto che l'esame finale consisteva in una prova orale ed una scritta; per quanto ... Leggi

Progetto di vasca per la RSSN

Possiamo trarre delle informazioni su questa vicenda dal Verbale della seduta del Consiglio Direttivo del 30 giugno 1911 (contenuta in: Verbali delle adunanze del Consiglio Direttivo 1911-1913). Da questo ... Leggi

Relazioni con il tessuto industriale

Il fatto che la Regia Scuola avesse tra i suoi obiettivi anche la creazione di relazioni con il tessuto industriale è testimoniato da queste parole della Relazione di Riboty: “... i nostri ... Leggi

Viaggi d'istruzione

Un’altra aspirazione della Scuola Navale era quella di allargare gli orizzonti dei propri studenti, per farli familiarizzare con quegli ambienti di lavoro in cui avrebbero dovuto poi trascorrere ... Leggi