Testi di ambito umanistico

Può forse essere motivo di stupore il fatto che una cospicua parte del fondo antico sia costituita da testi umanistici (il loro numero equivale all'incirca quelli di argomento prettamente navale).
Tuttavia occorre ricordare che all'epoca anche gli uomini votati alla scienza e alla tecnologia avevano a cuore la cultura nel suo senso più nobile e ampio e avvertivano come proprio dovere contibuire alla salvaguardia e alla trasmissione del patrimonio ereditato dal passato; non dimentichiamo inoltre che anche i programmi d'insegnamento della Regia Scuola contemplavano materie volte alla formazione di professionisti colti e dotati anche di una cultura il più possibile ampia e aperta anche alle altre nazioni, che sapessero intrattenere senza problemi relazioni a livello internazionale.
Si segnalano in particolare, per quanto riguarda i classici latini e greci, un'edizione delle Vite di Plutarco, stampata a Venezia nel 1568 dall'editore De Ferrari, le tragedie di Sofocle, le Heroides di Ovidio (una cinquecentina con un frontespizio riccamente decorato), le Epistole di Cicerone.
Sono inoltre presenti il Decameron di Boccaccio, opere di Manzoni, Alfieri, Boileau, E.T.A. Hoffmann, Montaigne, Voltaire, La Bruyère, ...

Temi

Classici greci e latini

Classici greci e latini

Si presenta di seguito una selezione dei testi greci e latini più rilevanti, ereditati dalla Regia Scuola Navale e conservati presso la Biblioteca della Facoltà. Leggi